Egeo Settentrionale

Cinque grandi isole sparse nell'Egeo Nordest costituiscono il confine marino dell'Europa con l'Oriente. Cinque grandi isole e decine piú piccole, pietre preziose intarsiate nella seta del blu profondo dell'Egeo, costituiscono la grande eredità di una ricca storia attraverso i secoli.Costruita sulle rovine dell'antica città omonima troviamo Myrina, capoluogo di Limnos con le case pittoresche dei capitani e i balconi in legno con le stradine lastricate e la sua gente di buon cuore. Ovunque sull'isola si incontrano paesini pittoreschi.

 

Nea Koutali, affascinante località ricoperta di pinete, con le sue acque limpide. Moudros, la seconda città importante dell' isola, con le sue belle case e le spiagge splendide e infine Poliochni, con le rovine neolitiche e le esigue tracce di un abitato dell' età dei rame.Tra l'isola di Limnos, di Lesbo e di Siros, troviamo l'isola vergine di Agios Efstratios con un unico centro abitato e delle spiagge meravigliose.La terza isola greca, per grandezza, è Lesbo. Uliveti immensi, folte pinete, spiagge sabbiose, monasteri, bei paesini tradizionali e vecchie case signorili. Ovunque sull'isola troviamo testimonianze della sua storia antichissima. Mitilene, il capoluogo, costruito sulle rovine della città antica, è la base di partenza per conoscere le infinite bellezze presenti su tutta l'isola. A nordovest della città troviamo l'acquedotto romano, piú a nord Pirghi Thermis, con le vecchie case tradizionali e Loutra Thermon.

 

Ovunque pittoreschi paesini marini con splendide spiagge. come il bel paese di Plomari, rinomato per il suo ouzo. Un paesino montano è Aghiassos, costruito ai piedi dell'Otimpo, con case e stradine pittoresche. Spiagge sabbiose, come quella di Vateron e di Kalioni, e quindi ci appare Mithymna e il celebro Molivos, un posto pittoresco dal colore caratteristico, con una grande tradizione nell'arte popolare, un'intensa vita notturna in estate e luogo d'incontro di artisti.Sopra, in alto, domina la fortezza bizantina e in basso, un po' piú lontano verso nord, la costa frastagliata di Eftatous e a sud quella di Petra. Le bellezze dell'isola continuano fino a Sigri, dove, incontriamo la foresta pietrificata, e fino a Eressos, dove troviamo importanti reperti archeologici.A sud di Lesbo si trova una delle piú belle isole dell'Egeo, I' isola di Chios. Qui il blu profondo del mare sembra quasi sfiorare il verde degli alberi. Qui le verdeggianti vallate abbracciano gli stupendi paesini che profumano di mastice, dagli innumerevoli alberi di lentischio.

 

La lunghissima storia di Chios si perde nel profondo dei secoli.Case multicolori, pescherecci e reti stese al vecchio porto. Case moderne e negozi pieni di gente al porto nuovo, di fronte al castello. Nella pianura case signorili in pietra con giardini verdeggianti e aranceti. Simpatici villaggi di pescatori come Vrontados, Pantoukios Langada. Belle spiagge come quella di Kardamila; paesaggi montani con bellezze rare e Volissos, come il castello veneziano e lo storico monastero di Aghios Gheorghios. Paesaggi incantevoli poco prima di Nea Monì. Paesi che hanno mantenuto inalterato il loro aspetto medievale ad Avato e Mesta. Laboratori di ceramica ad Armolia e composizioni pittoresche a Pirghì.Belle spiagge di ciottoli o lidi sabbiosi e quindi in caicco fino a Psarà, la piccola isola storica.Un'isola rocciosa con un unico centro abitato, dall'intenso colore cicladico. A est di Chios si trovano le isole di Inousses, di cui Inoussa è l'unica abitata, con magnifiche coste sabbiose.

 

Molto vicino all'Asia Minore troviamo Samo 1'isola più a est dell'Egeo.Immagini cinte dai grappoli dell'uva di Samo, dalle foglie di vite e dai vigneti. Samo, il capoluogo, è costruito ad anfiteatro nel seno di un grande golfo, accanto a Vathy, il porto. Platani, sorgenti e case neoclassiche coesistono armonicamente con gli elementi moderni a Kariovassi. Belle spiagge a Kokkari, spiagge di ciottoli a Potami, spiagge affollate a Tsamadou e quindi Chrissì, la spiaggia più bella del]' isola. Villaggi di pescatori con spiagge sabbiose, villaggi montani con stradine pittoresche e case dati architettura caratteristica. Numerosi i monasteri sull' isola, come quello della Grande Vergine, di Agia Zoni, di Vrontá, della Madonna di Spiliant, di Zoodocho Pighì. Infine a sud, Pithagorio o Tigani, con le rovine dell'antica acropoli e la fossa di Eupalineo e più a sud ancora I'Heraion, dedicato al culto di Era.A sudovest di Samo troviamo Ikaria, con un paesaggio incredibilmente vario. Rupi scoscese e nude a sud e un paesaggio dolce e sereno a nord dell'isola, dove si incontrano magnifiche spiagge. Nel capoluogo dell'isola, Aghios Kìrykos, troviamo numerose case dei capitani, a due piani. Fonti termali rinominate sin dall'antichità, a Therma. Il verde, inframmezzato dal bianco delle case, arriva fino all'azzurro del mare a Karavostamo, sulla costa nord dell'isola. Un piccolo porticciolo è Evdilos, e li accanto spiagge stupende e pittoresche tavernette. Una folta pineta, numerosi ruscelli e una splendida spiaggia sabbiosa ad Armeni stì. Numerosi paesini sparsi qua e là con una ricca vegetazione. Un interesse particolare, dal punto di vista archeologico, presenta Fanari, una zona ricca di bellezze naturali.